Il D-Wall, oltre a valutare e diagnosticare eventuali disfunzioni o deficit di movimento, grazie all’utilizzo della tecnologia, ci permette di poter svolgere un esercizio terapeutico di alta qualità.

Abbiamo la possibilità di scegliere oltre alle diverse aree da trattare come per esempio arti inferiori, superiori o tronco, anche la tipologia di esercizio che vogliamo svolgere per esempio esercizi di sviluppo della forza, della resistenza o dell’equilibrio, tutto correlato in base alle problematiche e alle necessità del paziente.

Un ottimo esempio di esercizio, per capire ciò che possiamo fare con il D-Wall, è lo Squat che può essere svolto in diversi modi e secondo diversi livelli di difficoltà.

SQUAT esercizio d wal

Durante l’esecuzione del movimento, in tempo reale, possiamo vedere con dati oggettivi il controllo dell’equilibrio e il controllo del tronco e valutare come viene gestito il carico negli arti inferiori, correggere eventuali differenze ed in caso di difficoltà nell’eseguire il movimento, possiamo modificare il gesto tecnico per migliorare la mobilità delle articolazioni.

Lo stesso esercizio possiamo renderlo più difficile aggiungendo dei pesi oppure cambiando le superfici di lavoro, utilizzando palle, tavolette propriocettive o pedane instabili che migliorano la coordinazione e aumentano il reclutamento muscolare.

Questa tecnologia permette di eseguire l’esercizio in modo corretto evitando il sovraccarico dei tessuti e riducendo il rischio degli infortuni.

Un’altra possibilità che ci da questa tecnologia è quella di lavorare in modo selettivo sulla gestione ottimale del carico, pratica molto utile soprattutto dopo un infortunio o un intervento chirurgico.

Grazie all’utilizzo della pedana stabilometrica integrata sulla base d’appoggio del D-Wall, possiamo chiedere al paziente, semplicemente stando in piedi, di spostare il carico di qualche Kg tra un arto e l’altro, dando degli obbiettivi sempre più impegnativi in modo da iniziare a caricare sull’arto infortunato/operato che è il primo obiettivo da raggiungere in una riabilitazione precoce.

Abbiamo anche l’opportunità di utilizzare delle pedane propriocettive attive che tramite collegamento Wireless si interfacciano con il sistema D-Wall dando la possibilità di avere dei feedback istantanei in modo da dare maggior intensità al lavoro riabilitativo e al tempo stesso migliorare tutta la fase dinamica.

d wall pedana

Infine, una caratteristica fondamentale da non sottovalutare di questo sistema tecnologico è tutta la parte di riabilitazione e di aumento delle performance che può essere svolta grazie alla realtà virtuale.
L’aspetto ludico, infatti, è molto apprezzato dai pazienti perché in questo modo gli esercizi possono essere svolti sotto forma di gioco grazie all’utilizzo della tecnica del “focus esterno”.

Questo approccio diventa estremamente utile soprattutto nei casi post-intervento chirurgico o nei casi di forte dolore in cui il paziente, anche se limitato dalla sua condizione, spesso riesce a compiere dei movimenti completi, molte volte inconsciamente, poiché la sua attenzione è spostata verso un “gioco”, come per esempio sciare o sparare a dei bersagli, piuttosto che pensare al proprio problema.

esercizio terapeutico

Queste sono solamente alcune delle caratteristiche di questo particolare sistema che ci permette di fare valutazione, diagnosi e trattamento insieme.

Il vantaggio che si ha dall’utilizzo di questo macchinario, per gli operatori, è quello di poter valutare e rivedere in modo dettagliato i parametri di movimento del soggetto esaminato e di monitorare l’andamento della fisioterapia.

Per i pazienti, invece, si ha il vantaggio di potersi muovere ed allenare in modo corretto perché ciò che conta realmente non è la quantità ma la qualità del movimento.

GUARDA COSA È IL D-WALL E COME PUÒ ESSERE UTILE PER SVOLGERE ESERCIZI RIABILITATIVI

Quelle che trovate in queste pagine sono solamente alcune delle caratteristiche di questo particolare sistema che ci permette di fare valutazione, diagnosi e trattamento insieme.
Il vantaggio che si ha dall’utilizzo di questo macchinario, per gli operatori, è quello di poter valutare e rivedere in modo dettagliato i parametri di movimento del soggetto esaminato e di monitorare l’andamento della fisioterapia.
Per i pazienti, invece, si ha il vantaggio di potersi muovere ed allenare in modo corretto perché ciò che conta realmente non è la quantità ma la qualità del movimento.

OPPURE RIEMPI IL FORM SOTTOSTANTE

Privacy Policy

5 + 8 =